Free Shipping
  • CARLOS V Mille Regretz : La Cancion del Emperador
  • CARLOS V Mille Regretz : La Cancion del Emperador
Shop > SACD
CARLOS V Mille Regretz : La Cancion del Emperador
17,00
+ shipping cost
Info

Reference: AVSA9814

  • La Capella Reial de Catalunya
  • Hespèrion XXI
  • Jordi Savall

Ricordare in soli 75 minuti di musica le esperienze essenziali della vita di Carlo V, ed al tempo stesso accostarci ad alcuni momenti così eccezionali della nostra storia moderna, sono obiettivi che potremo raggiungere soltanto attraverso le musiche più rappresentative che ascoltarono ed amarono i protagonisti del suo tempo. “La musica è –come dice Elias Canetti– la vera storia vivente dell’umanità, giacché confidiamo in essa perché ciò che afferma è relativo ai sentimenti”. Saranno dunque le musiche di corte, le musiche spirituali ed anche le musiche del popolo, quelle che ci guideranno tra le luci e le ombre di un periodo segnato dall’Umanesimo e dal Rinascimento, dalle scoperte e dalle guerre.

Informazioni aggiuntive
Intèrprets
Informació
Llista de Temes
Categoria

Catàleg complet

Descrizione

Ricordare in soli 75 minuti di musica le esperienze essenziali della vita di Carlo V, ed al tempo stesso accostarci ad alcuni momenti così eccezionali della nostra storia moderna, sono obiettivi che potremo raggiungere soltanto attraverso le musiche più rappresentative che ascoltarono ed amarono i protagonisti del suo tempo. “La musica è –come dice Elias Canetti– la vera storia vivente dell’umanità, giacché confidiamo in essa perché ciò che afferma è relativo ai sentimenti”. Saranno dunque le musiche di corte, le musiche spirituali ed anche le musiche del popolo, quelle che ci guideranno tra le luci e le ombre di un periodo segnato dall’Umanesimo e dal Rinascimento, dalle scoperte e dalle guerre. Musiche egualmente provenienti dalla Borgogna, dalla Germania, dalla Spagna e dall’Italia, giacché Carlo V, Re di Spagna ed ultimo Imperatore d’Occidente, ricordiamolo, nacque in territorio borgognone, fu educato nei Paesi Bassi, portò la corona tedesca, fu imperatore dei romani ed ebbe relazioni continue con gli italiani, e parlava correntemente castigliano, francese, olandese e tedesco.

Tra tutte queste musiche, nessun’altra come “Mille Regretz” di Josquin, detta la “Canzone dell’Imperatore”, poteva esprimere e sintetizzare con maggiore proprietà il marcato carattere malinconico e il profondo sentimento di tristezza che, nonostante la sua totale fede e fiducia in Dio, si erano introdotti durante gli ultimi anni di vita nell’animo di colui che possiamo considerare il primo ed ultimo grande Imperatore d’Europa.

JORDI SAVALL
San Francisco, gennaio 2000

Traduzione: Luca Chiantore